Lombardia

Visualizzazione di 13-24 di 64 risultati

  • Stupenda, rarissima grande veduta prospettica di Brescia presa a volo d’uccello da Porta S. Nazaro. Realizzata con grande precisione e tratto raffinatissimo da Domenico Carboni e dedicata, come si legge nel cartiglio inferiore destro “Al Nob: Sig. Luigi Arici/Il piano e prospetto di questa nostra Città da me con molta fatica, e diligenza disteso ed eseguito, non può ad altri/meglio esser indirizzato, che a Voi Nob.mo SIGNORE…/Di V.S. Ill.ma. Brescia 9 agosto 1764 – U.mo Div.mo Obl.mo Servo vero/Domenico Carboni”. Sotto il cartiglio compare lo stemma della famiglia Arici e, alla base della veduta, troviamo la legenda distribuita in 16 colonne con riferimenti dal n. 1 al 109 e alle lettere AA-BB-CC. (più altri riferimenti relativi alle lettere A-V per le località del territorio e le divinità dell’Olimpo raffigurate tra le nuvole del cielo). Ottimo stato di conservazione con ampi margini ed eccellente impressione. La più importante e rara veduta della città di Brescia.

    • Autore: Domenico Carboni
    • Anno: 1764
    • Dimensione: 1360 x 605 mm
    • Luogo di stampa: Brescia
  • Esaurito

    Questa rarissima carta geografica del territorio Bresciano è tratta dall’opera Italia geographice historiceque tabulis aeneis 37 delineata di Corrado Leone e pubblicata a Colonia nel 1598 con i tipi di Bertrami Buchholtz. L’interessante mappa appartiene alla cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia che per circa mezzo secolo fu il centro più importante nella produzione geografica dovuta principalmente ai cartografi ed artisti fiamminghi ed olandesi che fuggivano dalle persecuzioni religiose. Gli esponenti maggiori furono Mattheus Quad, Giovanni…

    • Autore: METELLUS Johannes
    • Anno: 1598
    • Dimensione: 287 x 198 mm
    • Luogo di stampa: Colonia
  • Grande e bella carta murale in 6 fogli giuntati e riportati su tela di tutta l’alta Italia. La mappa documenta la situazione politica italiana alla fine del 1797: i confini della Cisalpina sono quelli posteriori al Trattato di Capoformio e sul Veneto si legge: “Stati della Casa d’Austria”; sulla carta sono stati aggiunti i nomi dei dipartimenti, per cui si capisce che Nizza e Savoia non sono pi— appartenenti al Piemonte, e su Massa si legge “dipartimento delle Alpi Apuane”. In basso, nel mar ligure, Š presente carta della Valtellina con i territori di Bormio e Chiavenna che nel 1797 erano stati annessi da Napoleone alla Repubblica Cisalpina.

    • Autore: PAGNI Nicolo' - BARDI Luigi
    • Anno: 1797
    • Dimensione: 720 x 1445 mm
    • Luogo di stampa: Firenze
  • Decorativa grande carta geografica che mostra il territorio che comprende i quattro grandi laghi Lombardi (Lago Maggiore, di Como, Iseo e Lago di Garda) circondata da una serie di 18 deliziose vedute di varie località lacustri. In senso orario partendo dall’angolo in alto a sinistra troviamo: Lecco, Domaso, Cadenabbia, Borgo Bellagio, Villa Melzi, Villa Sanazaro a Blevio, Gravedona, Borgo Vico, Villa Tanzi presso Torno, Villa d’Este, Villa Sommariva, Pliniana, Palanza, Canobbio, Intra, Villa detta la Torre, Luino, Isola Bella.
    L’autore della raffinata mappa è Pietro Allodi su disegno di Filippo Naymiller. Tratta da Atlante di geografia universale: cronologico, storico, statistico e letterario pubblicato a Milano nel 1860 presso la Tipografia Pagnoni. La carta è accompagnata da un secondo, raro, foglio di testo con interessantissimo testo che descrive i Laghi con le loro peculiarità.

    • Autore: Filippo Naymiller, Francesco Pagnoni
    • Anno: 1860
    • Luogo di stampa: Milano
    • Dimensione: 64 x 44 cm
  • Pianta schematica delle fortificazioni della citta’ di Como tratta dall’opera  “Curioses Staats und Kriegs Theatrum” di G. Bodenher pubblicata ad Augsburg nel 1725. Gabriel Bodenher (1664 – 1758) fu valente incisore e famoso editore. Nel 1716 acquistò• i rami della produzione cartografica degli Stridbeck e ripubblic•ò, aggiornando, molti dei suoi lavori.

    • Autore: BODENHER Gabriel
    • Anno: 1725
    • Dimensione: 160 x 220 mm
    • Luogo di stampa: Augsburg
  • Non comune piccola pianta topografica di Como ispirata dalla cartografia del Coronelli e tratta dall’opera Schauplatz des Krieges In Italien, Oder Accurate Beschreibung der Lombardey di Thomas Fritschen edita a Lipsia nel 1702.

    • Autore: Thomas Fritschen
    • Anno: 1702
    • Dimensione: 70 x 130 mm
    • Luogo di stampa: Lipsia
  • Raffinata e decorativa grande acquaforte firmata in basso a sinistra “Joseph Vasi delin. et sculpt.”. Al centro, in basso, titolo e dediche con data 1742. Rappresenta la veduta del Duomo nuovo di Brescia animata da personaggi in primo piano. Rara. [cod.1266/15]

    • Autore: VASI Giuseppe
    • Anno: 1742
    • Dimensione: 655 x 442 mm
    • Luogo di stampa: Roma
  • Graziosa e raffinata veduta stampata in litografia. Tratta dall’opera “Guida generale del lago di Garda illustrata per G.B. Simeoni” stampata a Verona da Civelli nel 1878. Titolo sotto la stampa, a sinistra F.Penuti disegno’.

    • Autore: PENUTI Fioravante
    • Anno: 1878
    • Dimensione: 90 x 155 mm
    • Luogo di stampa: Verona
  • Bella e animata veduta di Desenzano sul Lago di Garda presa dal porto. Tratta da Sketches at home and abroad pubblicato a Londra nel 1836 dall’editore Charles Tilt. Basata sul disegno dell’Harding eseguito nel suo celebre viaggio in Italia del 1836.

    • Autore: HARDING James Duffield
    • Anno: 1836
    • Dimensione: 270 x 385 mm
    • Luogo di stampa: London
  • Raffinata carta geografica del territorio di Mantova basata sulla cartografia del Magini. Tratta dall’edizione in francese dell’Atlas Major pubblicato ad Amsterdam nel 1667. La famosa casa editrice della famiglia Blaeu venne fondata ad Amsterdam nel 1596 da Willem Janzoon Blaeu (1571-1638) che inizialmente produsse globi, carte nautiche e strumenti scientifici ma ben presto si attiv•ò, comprando le lastre del Mercator da Jodocus Hondius, per la realizzazione di un atlante di tutto mondo. Alla sua morte l’azienda proseguì per opera dei suoi due talentuosi figli Cornelius (1616-1648) e Johannis (1596-1673) che ampliarono l’ambizioso progetto cartografico del padre. L’Atlas Major Š il risultato dell’immenso lavoro dei Blaeu ed Š riconosciuto unanimamente come uno dei momenti pi— alti nella storia della cartografia. Le circa 600 carte geografiche che lo compongono sono tutte incise con tratto raffinatissimo e abbellite da splendidi cartigli, riferimenti araldici e specialmente dalla splendida calligrafia. Il lavoro dei Blaeu si interruppe nel 1672 quando il grande incendio di Amsterdam distrusse l’officina e gran parte delle lastre. L’anno seguente Johannis morì e le lastre rimanenti vennero disperse e acquistate dai rivali Frederick De Wit, Schenk e Valk. La casa editrice chiuse definitivamente nel 1695.

    • Autore: BLAEU Johannis
    • Anno: 1667
    • Luogo di stampa: Amsterdam
    • Dimensione: 380 x 500 mm
  • Interessante grande e rara carta topografica dei territori di Lonato, Castiglione delle Stiviere, Montichiari e Castenedolo anticamente sezionata in piccoli riquadri e montati su tela per permetterne la conservazione nell’incluso cofanetto di cartone. Di notevole interesse locale raffigura un territorio in scala molto piccola che permette di evidenziare singole corti contadine, divisioni fra i campi, sentieri e caseggiati nei paesi. Perfetto stato di […]

    • Autore: Ufficio Topografico Militare Austriaco
    • Anno: 1820
    • Dimensione: 1450 x 900 mm
    • Luogo di stampa: Vienna
  • Curiosa ed assai rara carta da gioco edita da Nicholas De Poilly che mostra il numero nove del seme del Regno di Lombardia rappresentato da nove località (Angera, Novara, Vigevano, Valenza, Mortara, Sesto Calende, Binasco ecc..) con le loro essenziali e più importanti note geografiche (fiumi, laghi e distanza in miglia da Roma).
    Ogni seme era composto da un “Asso” (mostrava una carta geografica del territorio di riferimento) da nove “Carte” numerate (da II a X), ognuna con un numero di località corrispondente al valore della carta; ed infine dalle tre “Figure” (Fante, Donna e Re) che mostrano le tre maggiori località relative al seme.

    • Autore: DE POILLY Nicholas
    • Anno: 1763
    • Dimensione: 60 x 80 mm
    • Luogo di stampa: Paris