Cart 0

Teatro della presente guerra in Italia

Author

Year

Dimension

Place of publication

COD. ART.: 899. Categories: , , . Tag: .

La carta e’ di grande interesse innanzitutto perche’ e’ il primo documento di una produzione cartografica a Bologna. In secondo luogo essa e’ prodotto originale e non copiatura di opere precendi; l’autore infatti inquadra nel suo disegno solo i territori percorsi degli eserciti e quindi ad occidente non arriva alle Alpi ma si ferma a Torino e ad Oriente arriva a Ferrara ma non al mare Adriatico, I nomi sono scritti da uno del luogo; il cartografo non solo traccia la via Emilia, ma (tra Reggio e Parma) vi scrive anche il nome, e arrivato a Sant’Ilario chiama il paese con il nome della protettrice; “S.Eulalia” (come era nell’uso popolare). In basso a sinitra nel cartiglio con la dedica, dopo “…. Devotiss. Servidore” si vede chiaramente che e’ stata cancellata il lastra una riga con il nome del dedicante. Questi, evidentemente, di fronte ad un cambiamento nella situazione militare, ha ritenuto opportuno far sparire le prove della sua compromissione con Eugenio di Savoia. La qual cosa e’ una perdita non indifferente per l’attribuzione della lastra. Rimangono le sole iniziali “D.B” dell’incisore. Diffusa come foglio sciolto e quindi di estrema rarita’. [cod.1066/15]


 1.900,00

Richiedi informazioni

La carta e’ di grande interesse innanzitutto perche’ e’ il primo documento di una produzione cartografica a Bologna. In secondo luogo essa e’ prodotto originale e non copiatura di opere precendi; l’autore infatti inquadra nel suo disegno solo i territori percorsi degli eserciti e quindi ad occidente non arriva alle Alpi ma si ferma a Torino e ad Oriente arriva a Ferrara ma non al mare Adriatico, I nomi sono scritti da uno del luogo; il cartografo non solo traccia la via Emilia, ma (tra Reggio e Parma) vi scrive anche il nome, e arrivato a Sant’Ilario chiama il paese con il nome della protettrice; “S.Eulalia” (come era nell’uso popolare). In basso a sinitra nel cartiglio con la dedica, dopo “…. Devotiss. Servidore” si vede chiaramente che e’ stata cancellata il lastra una riga con il nome del dedicante. Questi, evidentemente, di fronte ad un cambiamento nella situazione militare, ha ritenuto opportuno far sparire le prove della sua compromissione con Eugenio di Savoia. La qual cosa e’ una perdita non indifferente per l’attribuzione della lastra. Rimangono le sole iniziali “D.B” dell’incisore. Diffusa come foglio sciolto e quindi di estrema rarita’. [cod.1066/15]