Cart 0
Out of stock

Myths, Maps & Men – Merrill Lynch Salutes the Year of the Moon

Autore

Dimensione

Luogo di stampa

Anno


Iconica e famosa mappa pittorica della luna disegnata da Michael Ramus e pubblicata nel 1969 dalla banca d’affari di New York Merrill Lynch per celebrare le missioni spaziali Apollo. Come suggerisce il titolo la carta combina mappe accurate dei crateri e mari lunari con deliziose e stravaganti illustrazioni pittoriche ed allegoriche: Michael Ramus inserisce infatti mostri marini di reminiscenza classica rinascimentale all’interno di una corretta topografia lunare. La luna è rappresentata in due emisferi: nel “lato vicino” sono disegnati gli atterraggi dell’Apollo 11 e 12 mentre in quello “lontano” si notano le missioni spaziali russe. In alto una grande e divertente scena di propaganda mostra i tre presidenti americani – Nixon, Johnson e Kennedy, le cui amministrazioni hanno sostenuto l’esplorazione dello spazio – che volano sul dorso dell’aquila, simbolo degli Stati Uniti. Dal becco dell’aquila si dispiega un drappo con la celebre frase dell’astronauta Neil Armstrong, “Un piccolo passo per un uomo … un passo da gigante per l’umanità”.
L’apparato decorativo nella parte inferiore sottolinea come la conquista dello spazio sia collegata ad altre grandi imprese dell’umanità riassunte da Galileo con con un telescopio, la Torre Eiffel e i voli transatlantici dei fratelli Wright e Charles Lindberg; il satellite della Terra è anche associato a eccentriche scenette allegoriche come una strega a cavallo di una scopa e un gatto simboli di Halloween e addirittura a Romeo e Giulietta: infatti nell’opera di William Shakespeare ad un certo punto Romeo esclama: “io giuro il mio amore sulla luna” e Giulietta risponde: “Non giurare sulla luna, questa incostante che muta di faccia ogni mese, nel suo rotondo andare!”. Non può mancare il ticker con le azioni della borsa che si estende lungo tutta l’immagine per ricordare le opportunità di investimento di Merrill Lynch. In basso la mappa è dominata da due grandi cartigli con la descrizione degli eventi notabili accaduti nel 1969 e quali invece si aspettano per l’anno successivo. Le carte della luna così come globi e souvenir divennero popolari negli anni ’60 sull’onda della corsa spaziale americana e sovietica e in particolare dopo la famosa missione Apollo 11 nel 1969, in cui Neil Armstrong divenne il primo uomo a camminare sulla luna. Una delle più riuscite e oggi ambite produzioni geo-pittoriche.


Iconica e famosa mappa pittorica della luna disegnata da Michael Ramus e pubblicata nel 1969 dalla banca d’affari di New York Merrill Lynch per celebrare le missioni spaziali Apollo. Come suggerisce il titolo la carta combina mappe accurate dei crateri e mari lunari con deliziose e stravaganti illustrazioni pittoriche ed allegoriche: Michael Ramus inserisce infatti mostri marini di reminiscenza classica rinascimentale all’interno di una corretta topografia lunare. La luna è rappresentata in due emisferi: nel “lato vicino” sono disegnati gli atterraggi dell’Apollo 11 e 12 mentre in quello “lontano” si notano le missioni spaziali russe. In alto una grande e divertente scena di propaganda mostra i tre presidenti americani – Nixon, Johnson e Kennedy, le cui amministrazioni hanno sostenuto l’esplorazione dello spazio – che volano sul dorso dell’aquila, simbolo degli Stati Uniti. Dal becco dell’aquila si dispiega un drappo con la celebre frase dell’astronauta Neil Armstrong, “Un piccolo passo per un uomo … un passo da gigante per l’umanità”.
L’apparato decorativo nella parte inferiore sottolinea come la conquista dello spazio sia collegata ad altre grandi imprese dell’umanità riassunte da Galileo con con un telescopio, la Torre Eiffel e i voli transatlantici dei fratelli Wright e Charles Lindberg; il satellite della Terra è anche associato a eccentriche scenette allegoriche come una strega a cavallo di una scopa e un gatto simboli di Halloween e addirittura a Romeo e Giulietta: infatti nell’opera di William Shakespeare ad un certo punto Romeo esclama: “io giuro il mio amore sulla luna” e Giulietta risponde: “Non giurare sulla luna, questa incostante che muta di faccia ogni mese, nel suo rotondo andare!”. Non può mancare il ticker con le azioni della borsa che si estende lungo tutta l’immagine per ricordare le opportunità di investimento di Merrill Lynch. In basso la mappa è dominata da due grandi cartigli con la descrizione degli eventi notabili accaduti nel 1969 e quali invece si aspettano per l’anno successivo. Le carte della luna così come globi e souvenir divennero popolari negli anni ’60 sull’onda della corsa spaziale americana e sovietica e in particolare dopo la famosa missione Apollo 11 nel 1969, in cui Neil Armstrong divenne il primo uomo a camminare sulla luna. Una delle più riuscite e oggi ambite produzioni geo-pittoriche.