Cart 0
Out of stock
regno di napoli carta geografica antica

Nuova et esattissima descrizione del Regno di Napoli colle sue XII provincie date in luce da Antonio Bulifon l’anno 1692

Autore

Dimensione

Luogo di stampa

Anno

COD. ART.: 1520. Category: . Tags: , , , .

Elegante carta geografica del Regno di Napoli disegnata e incisa da Francesco Cassiano da Silva (firma in basso a destra D. Fran. Cassiano de Silva fec. 1691) proveniente dalla rara opera Accuratissima e nuova delineazione del Regno di Napoli con le sue provincie distinte… presentate al sommo merito dell’Altezza Serenissima di Cosimo III. Gran Duca di Toscana pubblicato a Napoli nel 1692 da Antonio Bulifon.
Si tratta del primo atlante geografico interamente concepito, disegnato ed inciso a Napoli.
I rami di questo atlante composto da 21 tavole andarono dispersi durante l’occupazione austriaca nel 1707. Con l’arrivo a Napoli di Carlo di Borbone, nel 1734, Luigi Bolifoni, nipote di Antonio, rientrò in città e fortunosamente riuscì a ritrovare i rami, stampando una nuova edizione dell’opera dedicata al nuovo re di Napoli.
Cassiano da Silva disegna la sua carta con un’attenta descrizione geografica e con un preciso posizionamento sul territorio dei centri urbani anche minori dimostrando come il suo lavoro fu davvero sul campo.


Elegante carta geografica del Regno di Napoli disegnata e incisa da Francesco Cassiano da Silva (firma in basso a destra D. Fran. Cassiano de Silva fec. 1691) proveniente dalla rara opera Accuratissima e nuova delineazione del Regno di Napoli con le sue provincie distinte… presentate al sommo merito dell’Altezza Serenissima di Cosimo III. Gran Duca di Toscana pubblicato a Napoli nel 1692 da Antonio Bulifon.
Si tratta del primo atlante geografico interamente concepito, disegnato ed inciso a Napoli.
I rami di questo atlante composto da 21 tavole andarono dispersi durante l’occupazione austriaca nel 1707. Con l’arrivo a Napoli di Carlo di Borbone, nel 1734, Luigi Bolifoni, nipote di Antonio, rientrò in città e fortunosamente riuscì a ritrovare i rami, stampando una nuova edizione dell’opera dedicata al nuovo re di Napoli.
Cassiano da Silva disegna la sua carta con un’attenta descrizione geografica e con un preciso posizionamento sul territorio dei centri urbani anche minori dimostrando come il suo lavoro fu davvero sul campo.